Ti trovi in: Home  »  APD San Paolo Ostiense  »  San Paolo Ostiense Calcio  »  Cresciuti a SPO - Necci: "Fantastica l'Eccellenza, grazie San Paolo"

Cresciuti a SPO - Necci: "Fantastica l'Eccellenza, grazie San Paolo"



 

Il San Paolo non è solo una scuola calcio. Né una squadra agonistica. Il San Paolo è molto di più: è una famiglia, che rimane nel tempo. È un modo di fare le cose, che rimane anche quando le strade si dividono. Per questo parte una nuova rubrica, dedicata a tutti quei ragazzi cresciuti con noi che continuano a divertirsi nel difficile mondo del calcio.

 

Protagonista di oggi: Andrea Necci.


L'ha fatta di nuovo. Un'altra doppietta, decisiva. Per la vittoria della Play Eur in casa del Città di Anagni in questa 10ª giornata del campionato di Eccellenza.
Andrea Necci si sta imponendo. Domenica dopo domenica, giocata dopo giocata, gol dopo gol: sono 6 quelli messi a segno finora. Un bottino niente male per un classe '98, alla sua prima esperienza in un campionato così importante come quello di Eccellenza.


Andrea Necci è cresciuto a San Paolo. Da bambino, quando giocava nell'oratorio. Da ragazzo, quando all'età di 12 anni ha iniziato a con i Giovanissimi. Fino al secondo anno di Allievi ha vestito la maglia rossoblù, distinguendosi per qualità tecniche, morali e capacità di fare gruppo. quest'anno è tornato. Non come giocatore, ma come collaboratore della Scuola Calcio. Con gli istruttori Paolucci e Prece segue i 2008. Un rinforzo importante per il nostro staff, che fa del senso di appartenenza a questa struttura un punto di forza.


Come giudichi per ora la tua esperienza alla Play Eur?

"Questa nuova esperienza alla Play Eur sta andando alla grande. Ho dei compagni fantastici che mi stanno aiutando a crescere e poi il campionato di eccellenza è tutto un altro mondo rispetto alla Juniores dello scorso anno, è molto più professionale".


Cosa ti è rimasto del San Paolo?

"Il ricordo di un ambiente fantastico e sereno, pieno di brave persone e allenatori in gamba. Tra le tante cose che ho imparato, la più importante è quella di essere un giocatore: la puntualità, l'abbigliamento e la professionalità fanno la differenza in questo mondo. Non mi scorderò mai alcuni momenti, come  la partità contro il Pomezia, vinta per 2-1 grazie a un mio gol. Sono emozioni forti che porteró sempre con me".


Ora inizi una nuova avventura da istruttore nella nostra Scuola Calcio...

"Alla fine con il San Paolo non mi sono mai lasciato. Ho fatto l’animatore al centro estivo per 2 anni per restare nell’ambiente e appena mi è stata concessa l'opportunità, sono tornato in veste di istruttore. Non ci ho pensato due volte, è la mia prima esperienza e ho tanta voglia di imparare dagli altri istruttori che sono bravissimi. Spero di trasmettere ai bambini gli stessi valori e le stesse nozioni che mi hanno fatto crescere, sia dal punto di vista umano che calcistico".


Chiedi informazioni Stampa la pagina